Come lanciare una start-up di successo

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Sicuramente la prima cosa che serve per approcciare con le persone in qualsiasi contesto è il cosiddetto “gancio”, ovvero un argomento che permette di interagire con gli altri, attirando la loro attenzione, facendo sì che le persone siano interessate a ciò che diciamo e a ciò che facciamo. La nostra argomentazione costringerà il pubblico a prestare attenzione alle nostre parole.
Spetta a noi decidere cosa dire, in base alla nostra personalità, al prodotto e al tipo di target prescelto.

Narra la storia nel migliore dei modi

Coloro che si trovano a mettere in pratica questo consiglio “narrare la storia”, solitamente decidano di redigere diapositive in Power Point o in Keynote. Tutto ciò naturalmente è sbagliato, in quanto dobbiamo sapere che la stesura di una vera e propria presentazione arriva alla fine della realizzazione di qualsiasi progetto. Per prima cosa, va narrata la storia, va deciso cosa si vuole realmente comunicare, e questo è possibile farlo nel momento in cui abbiamo trovato l’argomento centrale, il cuore del discorso, che ci permette di introdurre il tutto. Per fare ciò basta carta e penna, proprio come fanno gli sceneggiatori prima di iniziare a registrare la prima scena di un film. Cosa vuoi raccontare della tua start-up? Cos’è che la rende innovativa e diversa? Come riesce ad arrivare al cuore delle persone? Cos’è che fa sì che sia una grande storia? Quali elementi la rendano unica e diversa da tutte le altre aziende emergenti?
Il tempo: usalo con giudizio
È assolutamente importante dedicare del tempo al lavoro su campo: più tempo abbiamo a disposizione, più possiamo utilizzarlo per imparare a utilizzare nel modo più corretto una presentazione aziendale. È assolutamente necessario organizzare tutto con saggezza e non trascurare nessun aspetto riguardo alla nostra start-up. In definitiva dobbiamo preparare il nostro campo di azione e fare molta pratica per regolare il pitch davanti ad uno specchio o ad un amico che si è proposto gentilmente di ascoltarci.

Il Pitch: ripetere nel modo giusto

Per Pitch intendiamo l’intonazione che abbiamo deciso di usare durante la nostra presentazione. Provare l’intonazione molte volte davanti a uno specchio o a delle persone servirà sicuramente a migliorare le nostre performances. Altra cosa interessante da fare: registrare il nostro tono e riascoltarlo inseguito. Lo smartphone è assolutamente indispensabile per fare tutto ciò. Questo potrebbe aiutarci a superare la paura di parlare in pubblico. Lo specchio ci aiuterà a lavorare sul linguaggio del nostro corpo, la prova completa ci incoraggerà a ricordare i passaggi più importanti, mentre il passo cieco, a superare le nostre paure.
È importante parlare lentamente e scandire i termini nel modo giusto. Il pitch non deve sembrare imparato a memoria. Sapere ponderare bene l’intonazione, e la cadenza delle parole aiuta molto. Dobbiamo essere diretti, sintetici, e veloci senza utilizzare frasi generiche e senza senso. Il pubblico va sempre guardato “negli occhi”. Gli aspetti positivi del progetto vanno evidenziati sin da subito. Il nostro linguaggio deve essere naturale, caratterizzato da frasi semplici e concise. Il pubblico deve capire e sentire bene l’interlocutore che sta parlando.
Trovare un finale accattivante
Dobbiamo accertarci che la chiusura del nostro discorso sia affidata ad un tema interessante e spettacolare, così come l’inizio. In conclusione, le persone devono pensare: “Wow, voglio parlare con questa persona, e conoscere meglio le sue idee”.

startup-innovative-agevolazioni

La Mission: semplice ed essenziale

Il contenuto della presentazione di una start-up deve essere semplice ed essenziale. Per realizzare un buon testo è assolutamente necessario usare dei buoni espedienti narrativi, facili da seguire. 
”To the bone”: è importante rileggere i contenuti molte volte e cancellare tutto ciò che non dice niente di nuove, naturalmente tenendo sempre in mente la nostra missione. Le domande da tenere presenti sono tre: qual è lo scopo del nostro lavoro? I contenuti sono presentati in modo chiaro? Come potrei presentare il mio progetto con la metà del tempo a disposizione?

Piccoli accorgimenti interessanti

I contenuti devono interpretare i gusti e il tempo del pubblico. I messaggi non devono essere troppo noiosi, pieni di termini aziendali e devono rispettare i bisogni e le necessità del nostro interlocutore.
Altro step necessario è assicurarsi che il nostro progetto abbia un obiettivo ben preciso. Alcune persone pensano che la presentazione in pubblico sia qualcosa che tutti possono fare, e che richieda solo pochi minuti per essere preparata: in realtà non è proprio così. Preparare un Power Point richiede molto lavoro e ottime conoscenze sull’argomento. Inoltre, il pitching è un’attività intensa e importante
che non può assolutamente essere presa alla leggera.

L’uso di grafici e metriche

I grafici dovrebbero essere immediati e facili da capire. I migliori sono quelli a linee. Inoltre, è bene essere coerenti con le metriche che utilizziamo. Il Total Addressable Market andrebbe posizionato in basso, non in alto. È meglio mostrare come si costruisce un’azienda in modo tale che l’endpoint sia veramente enorme. Mettendolo a terra, rendiamo tale valore maggiormente interessante.

Come redigere le slides del progetto

I titoli devono avere un senso e descrivere nel modo migliore la diapositiva. Dobbiamo ricordaci, inoltre che ‘le menti vagano e le persone controllano i telefoni’. Quando guarda in alto, ogni essere umano dovrebbe essere in grado di capire il senso del discorso. In realtà sarebbe opportuno chiedere al pubblico un’attenzione maggiore. I caratteri grafici devono essere sottili e leggibili anche da lontano. Lo scopo del Font è quello di rendere più facile e veloce la lettura. Così come i colori scelti da contorno alla presentazione. È indispensabile rivolgersi direttamente al pubblico e guardalo attentamente, rimuovendo, se ci sono, degli ostacoli. Ultimo accorgimento da tenere in considerazione, ma non meno importante, è quello di essere preparati e pronti a qualsiasi tipo di inconveniente.

Facebook Page

Close
Compare
Wishlist 0
Open Wishlist Page Continue Shopping