Un team in costante crescita: quali sono gli aspetti vincenti?

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Costruire un nuovo team in costante crescita non è sicuramente facile, anzi è piuttosto un’impresa assai ardua e difficile da realizzare. È veramente importante cercare di capire come affrontare al meglio questioni di ordine organizzativo: come adattare il nuovo staff al marketing, al prodotto e come misurare il successo che con il tempo si riesce ad acquisire. Molte sono le domande riguardo a questo fantastico e interessante argomento: Perché creare un team di crescita? Che differenza c’è tra un hacker e un team di crescita? Qual’è la differenza tra crescita, marketing e prodotto? Quali obiettivi prefissarsi e cercare di raggiungere? Verso quali panorami dovrebbe concentrarsi questo nuovo staff? Cosa aspettarsi dal futuro?

Perché creare un Team di crescita

I team di crescita possono essere formali o informali. Per creare un buon team di crescita dobbiamo stare molto attenti: i prodotti migliori e le funzionalità all’avanguardia non necessariamente equivalgono a una crescita adeguata. Esiste una lunga lista di competenze che sono fondamentali, ma che non sono spesso considerate indispensabili per il prodotto: integrazioni di ad-tech, test A / B di canalizzazione di registrazione, ottimizzazione della consegna delle notifiche, verifica dei prezzi, verifica delle curve di coorte, e così via. Dobbiamo, quindi, cercare di costruire una struttura per lo sviluppo che sia una disciplina e una struttura organizzativa a sé stante.
Strutture organizzative, flussi di lavoro, filosofie e skillset: sono di fondamentale importanza per il modo in cui lavoriamo all’interno di un’azienda. In questo modo stiamo creando un sistema vero e proprio.
La crescita del prodotto, tuttavia, è la disciplina dell’applicazione del metodo scientifico ai KPI aziendali. Fornisce un sistema di base per aumentare le metriche, che si tratti di entrate, acquisizione, fidelizzazione, coinvolgimento o un’altra metrica aziendale chiave.

Proprio come ci si aspetterebbe con il metodo scientifico, tali passaggi si basano sulla comprensione dei dati, sulla creazione di ipotesi che identificano il motivo per cui determinati processi stanno accadendo, dando la priorità a idee nuove, eseguendo numerosi esperimenti e poi ripetendo il ciclo.

In questo modo, se il numero degli esponenti dello staff è piccolo, è possibile analizzare i dati per capire se c’è realmente bisogno di una maggiore acquisizione degli utenti durante la fase della canalizzazione. Tutto ciò permette di valutare se è necessaria una possibile combinazione di pubblicità e rinvio a pagamento. Sicuramente questa è una scelta migliore rispetto

alla semplice creazione di più funzionalità richieste dagli utenti, infatti si prevede che la crescita aumenti magicamente di conseguenza.

Team-crescita-azienda

Hacker della crescita vs Team di crescita

Nelle prime fasi dello skill set di crescita, non c’erano squadre, ma solo un certo numero di individui e fondatori di start-up che stavano mettendo insieme le idee necessarie, i flussi di lavoro e tattiche all’avanguardia da poter utilizzare. Alcune di queste persone si definiscono hacker di crescita in un modo ironico.

Con lo sviluppo dello skill set, è chiaro che per fare qualcosa di importante, specialmente nel contesto di un prodotto più ampio e complesso, è necessario organizzare interi gruppi di persone.

Da qui nasce proprio l’idea di un team di crescita, con l’obiettivo primario di creare un’organizzazione con infinite abilità. La crescita deve esser intesa proprio come uno sport di squadra, e un’azienda in divenire ha assolutamente bisogno di molte persone.

Per svolgere la maggior parte dei compiti per un team di sviluppo, è necessario disporre di ruoli funzionali diversi: da prodotto, marketing, ingegneria, dati, operazioni, finanza, e molto altro ancora. Combinando tutte queste persone in singoli team e organizzandoli, potremo avere come risultato un’organizzazione eccezionale.

Quindi potremo avere il Growth PM, un product manager responsabile della roadmap dell’esperimento, un ingegnere della crescita, focalizzato su decisioni tecniche e implementazione di esperimenti, un growth marketer, versatile, con competenze in un determinato canale, dal marketing a pagamento, al SEO, fino all’uso dell’e-mail; un analista focalizzato sulla creazione di approfondimenti, sia macro sul ciclo di vita dell’utente, sia micro, su esperimenti specifici, e infine, ma non meno importante, un design della crescita, che guida la use experience, ma con un’enfasi sulla velocità. 

Per la nuova esperienza utente, che potrebbe includere l’aumento della conversione di registrazione e forse anche l’integrazione negli annunci, probabilmente saranno usati degli ingegneri, sia Android, che iOS. Oltre a persone che si occupano di performance di marketing, saranno utilizzati alcuni analisti di dati per esaminare le metriche, un marketing SEO e un ingegnere full-stack per il web.

L’obiettivo principale sarà quello di definire il problema generale in base a intuizioni e ipotesi, insieme al personale della squadra per risolvere determinati problemi. I singoli team potrebbero enfatizzare competenze diverse, e la struttura organizzativa in cui si inserisce il nuovo team potrebbe presentare alcune complessità a seconda delle missioni degli altri staff.

È possibile scegliere diversi modi per organizzare la squadra nascente: è possibile optare per modelli ibridi, per un team di sviluppo, o per una configurazione organizzativa casuale. Ma per partire è assolutamente necessario affrontare i problemi iniziali e che si susseguono di volta in volta, senza sconvolgere più di tanto le fondamenta. Dopodichè sarà importante passare alla fase esecutiva.

Marketing vs crescita

Quando parliamo di marketing e di crescita è assolutamente importante chiamare in causa tutti gli ambiti e i temi connessi e collegati ad esso: il brand marketing, le pubbliche relazioni, gli eventi, il content marketing, le e-mail, la parte SEO, le funzioni virali di riferimento, la nuova esperienza utente. Tutto ciò può essere catalogato sotto tre grandi categorie: la marca, la crescita marketing e il prodotto di crescita. I team di prodotto focalizzano la loro attenzione sulla creazione di valore fondamentale, sul miglioramento del prodotto e del mercato nel tempo. Ciò significa ispezionare nel minimo dettaglio ogni piccola interazione nel ciclo di coinvolgimento principale. È assolutamente importante anche decidere il modello di proprietà, e tenere sempre presente i due estremi dell’intero processo: la crescita come servizio e l’autonomia. Nella prima categoria, la squadra non possiede tecnicamente alcuna funzione. In questo ambito vengono fatte analisi e ottimizzazioni, e apportati una serie di miglioramenti. Così si fanno i passi avanti. È importante per la squadra sia gentile.  D’altra parte, un modello di proprietà completo significa che il team di crescita potrebbe possedere la nuova canalizzazione utente, le notifiche, la tecnologia di test A / B, i flussi di pagamento e molte altre aree critiche in cui i numeri vincono sull’intuizione. Questo può funzionare, ma il team deve essere adeguatamente attrezzato. Una volta instituito, la missione e il loro toolkit del team di crescita dovrebbero essere distinti da quelli utilizzati dal team di marketing o di prodotto. Soprattutto nei primi giorni della squadra, i compiti dovrebbero essere semplici e alla portata di tutti. 

Close
Compare
Wishlist 0
Open Wishlist Page Continue Shopping